mercoledì 13 giugno 2007

New York City

Sono stato a New York, non male come città ma non è di certo dove vorrei vivere o tornare più di tanto. Per i miei gusti è un po' troppo caotica e frenetica.
Non so nemmeno se mi aspettavo di più da questa metropoli, mi sono divertito a girarla, sia solo che insieme a Marina, Laura ed Emanuela, ho visto la Statua della Libertà da Battery Park, quello che resta del World Trade Center, Wall Street, l'ONU, Fifth Avenue, Central Park, l'Empire State Building, il ponte di Brooklyn, il Rockfeller Center...
Ho visto davvero tante cose in questa città multietnica, di alcune cose sono stato stupito in positivo, come ad esempio la sicurezza di viaggiare in metropolitana la notte, me l'aspettavo un po' più pericolosa, ed altre cose che mi hanno colpito negativamente come ad esempio la sporcizia ed il puzzo che si sente per le strade, speravo fosse un po' più pulita...
Se dovessi scegliere cosa mi ha colpito di più di sicuro è Ground Zero, non per quello che c'è ora, cioè nulla, solo lavori in corso per non so cosa, ma per quello che c'è stato e per come lo si percepisce. Sono stato stupito di non trovare quasi nulla, c'era un foglio di carta con su una poesia ed altro dedicato a Federica, una ragazza Italiana che ha perso la vita li, mi ha colpito trovare che l'unico foglio presente era in Italiano. La stessa cosa dicasi ad una stazione dei pompieri con bandiera e foto dei colleghi persi nello stesso avvenimenti, probabilmente sono le cose che più mi hanno toccato, che più ho sentito in questa città.
Alla fine sono felice di aver visto la Grande Mela, ma non penso che ci tornerò, poi chi lo sa cosa succederà domani? Comunque se ancora non l'avete fatto visitatela!

Nessun commento: