mercoledì 29 agosto 2007

8 Settembre 2007 = V - Day


Ragazzi tra poco ci sarà il V-Day, per saperne di più fate un salto qua: http://www.beppegrillo.it/vaffanculoday/.
Penso proprio che ci sarò, magari non qua in zona, ma dovrei comunque stare qua in Italia, ed una piazza col V-Day non mancherà di sicuro!
Mi raccomando fate un salto anche voi, se volete che le cose inizino a cambiare!

martedì 28 agosto 2007

Video

Questo post più che altro è una prova per provare ad inserire un video di youtube nel mio blog. E' abbastanza carino. Meno male che non andiamo in giro con occhiali che indicano dove guardiamo...

lunedì 27 agosto 2007

L'amico brasileiro

Questo fine settimana ho fatto un giro allucinante, per fortuna sono andato a Fortaleza, in Brasile. Li c'è un mio vecchio amico, abbiamo condiviso la stanza per quasi due anni, mentre eravamo all'università.
Sono davvero felice di averlo rivisto, è una di quelle persone che mettono allegria e che fa davvero piacere incontrare. Purtroppo non sono rimasto molto li, ma ha ritagliato davvero molto tempo per stare con me, ha accompagnato me e chi si è voluto aggregare per un giro culturale della sua città. Avrei voluto passare molto più tempo li con lui, ma il lavoro mi ha permesso di stare li davvero poco.
In questo periodo rivederlo è stata davvero una ventata di felicità e freschezza, in quanto è un periodo un po' faticoso per me, lavorando col turismo potete ben immaginare...
Grazie mille caro Andrè!

mercoledì 22 agosto 2007

Indifferenza

Ieri pomeriggio sono uscito in mezzo alla pioggia battente per un paio di commissioni, a nemmeno un chilometro da casa, mentre attraverso una strada vedo una signora di mezz'età che si sbraccia e nessuno che si ferma. Naturalmente non potevo fermarmi li, in quanto ero su di una strada con molto traffico, ci avrò messo un paio di minuti. Non si era ancora fermato nessuno, ho attraversato la strada e ho chiesto alla signora che succedeva, mi risponde in maniera un po' agitata che era finita in un buco e non riusciva ad uscire, non avendo possibilità di trainarla provo s spingere l'auto, ma nulla. Le indico un bar li vicino non conoscendo nessuno, trovatolo chiuso la accompagno ad un distributore non molto distante che ci indica un meccanico. Parlando con la signora scopro che era li da un po' e nessuno aveva nemmeno rallentato. Mi da' un po' da pensare questa cosa, qualcuno ha bisogno e nessuno si ferma per prestare assistenza, ma in che mondo viviamo? Nella più totale indifferenza! Non so che dire...

giovedì 16 agosto 2007

Un anno fa

Al momento in cui lo scrivo non so se pubblicherò questo post. Di sicuro lo pubblico senza nessuna immagine, non ve ne sono da mettere...
Vorrei solo rimembrare un anno fa', chi c'era sa, chi non c'era non sa. Non sarà per nulla un lungo post, sarà semplicemente un post...

lunedì 13 agosto 2007

Viaggiatore

In questo periodo mi sento veramente un nomade! Sto lavorando come un matto e mi sto girando parecchi posti, sia per lavoro che per i fatti miei! Vorrai mica girare solo per lavoro!
Per esempio stanotte (sveglia all'1.30 am) parto per farmi tre notti a Catania, bellissimo posto! In realtà sarò poco fuori città, ad Acitrezza, ma i colleghi che sono appena stati li mi dicono che il mare dove c'è l'hotel è pulito, solo un po' freddo. Poi a fine mese mi farò cinque notti in Repubblica Dominicana, e spero sinceramente di riposarmi parecchio, ne ho proprio bisogno... Ed il mese prossimo sarà ricco di viaggi di piacere: andrò in zona Trieste / Udine a trovare un carissimo amico che si è avvicinato a casa recentemente, e verso fine mese dovrei andare in toscana a trovare alcuni ottimi amici che al momento sono impegnati con la stagione turistica, senza contare i voli che mi verranno messi nel mese, una sosta da qualche parte ce l'avrò di sicuro...
Ed ad ottobre, quando quasi tutti voi lavorerete io me ne andrò in ferie! Dove? E chi lo sa? Al momento inizio a chiedere ferie, poi mi prenderò un last second, e chi s'è visto s'è visto...
E questa è solo la stima dei prossimi giorni...

domenica 12 agosto 2007

Caratteraccio

Ebbene si, parlo di me! Ho un carattere davvero pessimo, ed è forse per questo che me ne sto solo da tempo immemore!
Sono molto orso se mi ci metto, e starmi vicino ormai dovrebbe essere messo come requisito per la beatificazione e la santità! Penso di non essere una persona tanto male, ma se mi ci metto so essere un vero SpaccaMaroni (non solo con la S maiuscola ma pure con la M!). Penso che se una mi sa prendere posso dare anche il cuore, ma se mi prende troppo di petto è lei che deve cambiare il fegato! Parlo di una e non di uno perché queste cose sono riferibili a storie di coppia o preludio a. Nel caso di rapporti lavorativi, "false amicizie" e similari, non sono così orso, a mio modo di vedere sono peggio, proprio ignoro la persona, non ne voglio sapere nulla! Rido e scherzo si, ma finito il periodo che devo passare per forza con queste persone, goodbye! Chi si è visto si è visto!
Perciò sembrerà strano, ma il fatto che rompa le palle è un segno che comunque a questa persona ci tengo, se non ci tenessi non perderei tempo a romperle le palle, è un ragionamento un po' strano me alla fine è chiaro, una volta scoperta la mia psicologia!
Mah, più si invecchia e più si vedono i propri difetti, che sia maturità? Ed il fatto che uno non voglia eliminare certi difetti cos'è? Stupidità? Boh, non lo so, ma io certe cose di me le voglio lasciare come sono, anche perché sono cose che mi caratterizzano e mi rendono come esemplare unico, o no? Ognuno ha i suoi difetti e se si vuol bene ad una persona si ama anche per i difetti, amare una persona solo pregi è veramente troppo semplice! E poi un po' di pepe nella vita ci vuole, altrimenti che esistenza monotona sarebbe!

mercoledì 8 agosto 2007

Genitori moderni

Riflettevo l'altro giorno con un collega, e pochi giorni prima con una amico, riguardo ai genitori d'oggi. Col lavoro che faccio spesso mi capita di vedere bambini a bordo, e di vederne i comportamenti.
Ricordo che quando ero piccolo io era impensabile rivolgersi ad un adulto e chiedere qualcosa senza usare certe "paroline magiche", come ad esempio "per favore", "vorrei" e "grazie". Forse ci provai, ma la reazione di mia madre non dev'essere di certo stata delle migliori, anzi...
A me sembra che oggi si sia passati all'estremo opposto nell'educazione dei bambini. Una volta si sera fin troppo severi, ma l'educazione almeno c'era, ora si è troppo accondiscendenti nei loro confronti, e non si dice mai ad un bambino di no. Ragazzi, di no nella vita se ne prenderanno tanti, ed è un bene che il bimbo si abitui. Bisogna responsabilizzare un po' per volta i bambini, in modo tale che affrontino la vita da persone più mature! Sempre che arrivino all'età adulta! Sarà un'affermazione un po' forte, ma quanti bambini vedete in macchina senza cinture? Avete idea immagino di cosa succede se c'è un incidente, quanti bambini vengono sbalzati fuori dall'auto? Bisognerebbe, per queste cose, essere più severi coi propri figli, tanto dopo che hanno capito che si è irremovibili se certe cose, non piangono più, si abituano e non spaccano più le palle urlando e piangendo! Sempre meglio che pianga mio figlio per la cintura che io perché non l'aveva!
E poi ci vorrebbe un po' più di buona educazione, insegnare l'uso delle "paroline magiche", riscoprire gli antichi valori...

lunedì 6 agosto 2007

Comunicare

Quanti modi abbiamo ormai? Direi tantissimi visto che siamo nell'era della comunicazione! Quando ero un po' più giovane mi ricordo che per uscire con gli amici ci si organizzava di fine settimana in fine settimana, oppure ci si chiamava a casa, col vecchio telefono in bachelite grigia, col disco da girare che se sbagliavi numero dovevi riattaccare e rifare tutto! Il bello era quando avevi il prefisso e ti sbagliavi all'ultima cifra! Con gli amici più lontani, oppure ti dovevi dire un po' più di cose c'era la lettera, ormai in disuso si può dire!
Mi ricordo ancora il piacere di arrivare a casa e di sentire mia nonna che mi diceva: "Andrea, è arrivata una lettera per te, mi sa che è dal Canada!" Mi fiondavo direttamente sulla busta e la aprivo con tanta irrequietezza, per poter leggere quei fogli e magari guardare le foto che ti mandavano! Per non parlare delle lettere d'amore, quante pagine sprecate prima di avere la copia definitiva, e dopo averla scritta dovevi anche spedirla, o meglio consegnarla. Altra cosa che ti dava il batticuore, e poi l'attesa della risposta. Come mi mancano quei momenti, stavo bene e male insieme, ma mi sentivo davvero vivo! Anche il corteggiamento era diverso, dovevi passare per il "filtro genitori", si perché una ragazza, una volta ottenuto il numero, dovevi chiamarla a casa e non sapevi mai chi ti rispondeva, era bella quella paura e quella tensione prima di sentire lo squillo, quante volte all'ultima cifra buttavi giù per prendere fiato e raccogliere le idee...
Ora non è più così, anche a sette anni hanno il loro cellulare, con un sms ci si scarica, per i più pazienti ci sono le email! Io non sopporto i messaggini tutti abbreviati, non ci si capisce una mazza! Capirei se la cosa non ci sta su 160 caratteri allora cerchi di abbreviare, ma cavolo, se devi scrivere una cosa che ci sta in 100 caratteri perché la devi abbreviare in 20? Non ti si consumano mica le dita, mica paghi a carattere! Poi ci sono gli instant messengers, che ti consentono di inviare e ricevere messaggi praticamente in tempo reale attraverso la rete, poi grazie a programmi tipo Skype ormai le chiamate internazionali sono quasi gratuite, la tecnologia è magnifica, è impressionante che se io ora voglio mandare una foto di me con la mia nuova ragazza alla mia corrispondente Canadese ci posso mettere un paio di minuti a scattarla col cellulare, scrivere l'email dal cellulare magari mentre siamo al lago, lei la riceve ed in due minuti mi risponde all'email dicendomi che siamo carini insieme e quando verrà a trovarmi vuole vedere quel posto dove abbiamo scattato la foto. Ai tempi per avere una risposta da Tracy mi ci voleva almeno un mese...
La tecnologia ci sta dando davvero tanti modi per comunicare, ma forse siamo noi che non abbiamo più molto da comunicare, siamo più pigri e codardi! Si codardi, stanno venendo su tante generazioni di codardi! Una volta se volevi uscire con una ragazza dovevi dichiararti e tirar fuori le palle, ora "rubi" il numero ad un'amica e sondi il terreno. Se dovevi lasciare la ragazza, dovevi affrontarla, parlarle, ma ora scrivi un messaggio del genere "Ti lascio" e poi spegni il cellulare per non doverci nemmeno parlare!
E' tutto molto più frenetico, una volta per andare a letto con una ragazza era abbastanza complicato, te la faceva sudare! Ora invece prima trombi, poi decidi se è il caso di mettersi insieme!
Fatevi una domanda, da quanto tempo non scrivete e ricevete una lettera? Io sono fortunato, ne ricevo ancora e ne scrivo, ho ancora vicino gente che comunica con come! E voi?

mercoledì 1 agosto 2007

Mortalità

Cavoli, mi rendo conto solo ora, alla soglia dei trentanni, di quanto sono mortale. Questa illuminazione mi giunge in seguito ad eventi da poco successi riguardanti delle persone che mi sono molto care e molto vicine.
Sembra ieri che avevo sei anni ed andavo al mare con mio nonno e mia nonna, poco più che cinquantenni, due persone molto forti, ora invece mi sembrano molto indifesi, e non sopporto che non posso far nulla per farli tornare com'erano. Non posso star vicino a loro e farli sentire meglio, è il tempo che passa e che tutto si porta via: forza, salute, lucidità... Ma qualcosa lascia: esperienza, saggezza, fascino... Il tempo prende e da, non pensiamo troppo a quello che ci prende e valorizziamo quello che ci da'.