mercoledì 12 dicembre 2007

Certezza della pena

Oggi sono in vena di scrivere sul blog, è già il secondo post di questa mattina. Come mai? E chi lo sa...
La certezza della pena che abbiamo in Italia qual'è? Effettivamente una certezza c'è, si è sicuri che i giorni che ti danno da scontare non te li farai di sicuro mai, non è nemmeno sicuro che ti farai qualche giorno di carcere! Tra attenuanti, infermità mentali temporanee (che ancora devo capire che cavolo siano), indulto e buona condotta è già buono se ci fai la metà della pena in carcere!
Poi vengono date le licenze per tornare a casa, ma i carcerati non sono dei militari che devono avere licenze, sei un carcerato perché hai fatto qualcosa che non dovevi, nella maggior parte dei casi, perché di sicuro ci saranno casi di persone che finiscono dentro per errore, ma secondo me ci sono anche davvero tanti che sono fuori "per errore"!
Per me non devono esistere né indulto, né sconti di pena, né licenze né altro che possa recar offesa alle vittime dei crimini, già sono blande le pene che vengono date, se poi le riduciamo ulteriormente non facciamo altro che incentivare il crimine!
Magari dovremmo migliorare le condizioni di vita delle carceri, magari rispedire al loro paese (ma veramente e non con un inutile foglio di via) i piccoli criminali stranieri che imperversano per le nostre vie, dato che in carcere sono una spesa per il contribuente!
Tanto quello che dico è semplice aria fritta, inutile perché tanto tutto resterà così...

Nessun commento: