giovedì 3 gennaio 2008

Neve

Nevica...
Oggi siamo nei primi giorni dell'anno e mi sento molto bene. Devo dire che non è iniziato male quest'anno, sono contento.
Stasera sono uscito con Paolo e suo fratello Michele, per chi non dovesse conoscerli sono due dei miei più cari amici, e posso dire tranquillamente che Paolo è colui che considero mio migliore amico anche se non lo vedo spesso quanto vorrei, ma non pretendiamo troppo dalla vita: è un ottimo amico e nel caso avessi reale bisogno di lui arriverebbe subito.
Dopo vari mesi siamo riusciti a vederci ed ad andare a mangiare una pizza, alla fine della piacevole cena purtroppo Michele ci ha abbandonato per andare dalla ragazza, e ci siamo fatti un giro al Wanted io e lui ed abbiamo parlato di tutto un po'. Era da un po' che non facevamo una bella chiacchierata soli, so benissimo che non avremo modo di farne un altra forse per molto tempo, ma ciò non mi rattrista, so benissimo che ce ne saranno molte altre in futuro e ne sono contento. E' come se fosse una montagna, c'è ed è li anche se non la vedo e ci sarà per sempre.
Di cosa abbiamo parlato sono fatti nostri, dalle cazzate alle cose serie, concordi o discordi, ma sempre con l'intelligenza ed il massimo rispetto. Sono passati quasi quindici anni da quando ci siamo conosciuti ma essenzialmente siamo rimasti sempre gli stessi dentro.
Grazie per la serata e davvero complimenti per il disco, molto ma molto bello!!
Ripresa la macchina per fare quella decina di chilometri che mi separava da casa, ho guidato felicemente in mezzo ad una timida nevicata, un buon presagio a mio modo di vedere.
Mi è sempre piaciuta la neve, mi ha sempre dato un'idea di pace, candore, dolcezza e bellezza unica. Una cosa che non mi capita più, quand'ero piccolo ricordo che la neve mi accompagnava ad ogni vacanza di Natale, mi rendeva il Natale più Natale, l'inverno più vero. Ricordo che "aiutavo" il nonno a spazzare il cortile dal manto nevoso che lo infestava, ma forse ero d'impiccio ma non mi ha mai cacciato, anzi...
Ora che sono passati molti anni da quei giorni spensierati mi rattristo nel vedere il tempo li ha trasformati, vorrei tanto poterli far ringiovanire i nonni ed i genitori per non vederli soffrire ed invecchiare, prego Dio di non farli mancare dalla mia vita per tanto ancora e temo il giorno che verranno a mancare. Perché bisogna morire? Perché dobbiamo privarci di persone che possono darci ancora tanto?
A volte penso di non dimostrare loro il loro affetto, mi sento in difetto per quello che mi hanno dato e quanto poco ho dato loro...
Ma lasciamoci alle spalle i pensieri tristi e guardiamo avanti ai giorni felici che ci attendono, sono sicuro che questo sarà un buon anno e che farò molto per il mio futuro, è una sensazione e spero che alla fine dell'anno la potrò confermare.
E con questo auguro un buon anno a tutti, per me lo sarà...

4 commenti:

andre.arq ha detto...

Ciao carissimo, Dopo un sacco di tempo son tornato al tuo blog per augurarti un bel 2008 pieno di buone cose e belle sorprese! P.S.: ti ho invitado dei commenti anche sul tuo post su flickr.com Saudades sempre!!

André Almeida
Fortaleza, Brasil

Piera ha detto...

Vediamo se capisci chi sono prima di arrivare alla firma; sono molto contenta della bella serata che avete passato,so che è stata positiva anche per gli altri due babbei, ti considerano anche loro un vero amico e questo mi rende felice e mi rassicura.

Mi fa piacere sentirti parlare dei nonni e dei genitori in questi termini, ogni tanto è piacevole farsi prendere dalla nostalgia, ma ricorda che per veder felici loro, devi essere felice tu, io me andrò contenta quando saprò i miei figli sereni, vicino a persone che li stimano e li amano, qualcuno che possa prendere il mio posto presso di loro, e li aiuti, li coccoli un pò, e li sgrdi quando è necessario. Tu fai già parte del giro! Volente o nolente!

Permettimi un commento anche al messaggio successivo, visto che l'ho già letto: AUGURI, VECCHIONE!

P.S. Anche a me piace tanto la neve!

Piera

Piera detta anche nana ha detto...

Vediamo se riesci a capire chi sono prima di arrivare alla firma.

Sono contenta tu abbia passato una buona serata, ti assicuro che anche i due babbei erano altrettanto soddisfatti delle ore trascorse insieme. Mi fa piacere sentirti parlare del rapporto che vi lega in questi termini.

Mi hanno commosso i pensieri anche se un pò tristi sui nonni e i genitori, è bello farsi prendere ogni tanto dalla nostalgia. Una cosa ti posso assicurare: la loro serenità e la loro felicità dipende dalla tua. Non c'è nulla di più appagante per un genitore vedere il figlio sereno, in pace col mondo e con se stesso, circondato da persone che gli vogliono bene e pronte ad aiutarlo. Così un genitore non si sente più indispensabile e sa che se anche dovesse mancare all'improvviso c'è qualcuno vicino a suo figlio, che, anche se in maniera molto diversa può fare le sue veci. Sapere che i miei figli hanno tanti amici mi rassicura per il futuro oltre ovviamente a farmi picere per il presente. E tu fai parte del giro, per fortuna. (è una responsabilità, non credere!).

Un commento alla prossima mail che sciverai: (perchè sono veggente) AUGURI VECCHIONE!

P.S. Anche a me piace tanto la neve!

Piera

Centurion ha detto...

Mi sa tanto che lei è la mamma di quelle due grandi persone di Paolo e Michele.
Grazie mille per gli auguri!