sabato 3 maggio 2008

Rifiuti

Un paio di giorni fa ho seguito una conferenza sul tema dei termovalorizzatori, gli inceneritori in parole povere.
Sono rimasto stupito da tutte le informazioni che mi sono state date da questo gruppo di esperti, prevalentemente statunitensi, sul tema rifiuti.
Sul tema ambiente non avevo mai pensato al "riuso" di oggetti, sebbene personalmente mi capita di farlo. Non avevo idea di quanto fosse dannoso per l'ambiente il consumismo l'usa e getta. Nel senso che sapevo che non faceva bene, ma non sapevo quanto facesse male.
E di male ne fa davvero tanto, e dovremmo puntare molto al riciclo ma soprattutto al riuso, che fa sprecare ancora meno energia ed è molto conveniente sia per noi che per l'ambiente.
Questi signori si sono prefissati per il 2020 di arrivare al rifiuto zero, ciò sarebbe un ottimo traguardo se venisse preso a cuore da tutti i paesi e non solo da un piccolo comune toscano...
Non avevo nemmeno idea di quanto fossero dannosi e costosi gli inceneritori, e forse è quello a cui mirano i nostri politici! Tenerci nell'ignoranza, farci pensare che gli inceneritori sono degli aggeggi dove butti dentro la monnezza e ne tiri fuori energia magicamente, trascurando i tassi di mortalità per tumore che ci sono nella zona, analizzando i fumi per poche ore estrapolando dati per decine di migliaia di ore di utilizzo (naturalmente avendo l'accortezza di avvisare prima chi gestisce l'impianto), e così via... Chissà quante mozzarelle di bufala alla diossina mi sono mangiato...
Devo dire che mi sento molto toccato da questa conferenza, e sono stupito del fatto che in USA non si costruiscano "termovalorizzatori" dal 1995. Chiedetevi perché!
E' stato molto simpatico il professor Connel che ha mostrato che un politico ha mandato due lettere a due città dicendo due cose opposte sugli inceneritori, in una era una cosa fantastica da mettere e da promuovere, nell'altra era pericoloso e dannoso. Perché? Semplice, stava andando a vivere nella seconda città!
Spero che si riesca a fare qualcosa di più per l'ambiente, altrimenti mi sa che i miei figli ed i miei nipoti avranno solo belle fotografie da vedere...
Chiudo col motto del prof: Turn off, Switch off, recycle and walk!

Nessun commento: