sabato 29 marzo 2008

Gente di Lourdes

In settimana ho fatto un volo per Lourdes, un volo diverso dai soliti voli che faccio con gente che si accapiglia perché quello davanti abbassa il sedile, o che ti manda a quel paese perché non gli hai dato un pranzo su un volo di due ore. Sono delle persone molto piacevoli e gentili, quasi tutti un po' su d'età e mi ricordano un po' i miei nonni. Però non mancano i volontari che si prestano a dare una mano a tutta questa gente anziano o con problemi.
Devo dire che questi voli saranno gli unici che mi mancheranno, anche perché sono gli unici con delle persone civili, delle persone con cui si ha il piacere parlare, gli altri spesso sono ripieni di persone che mi fanno vergognare di essere un italiano! Con tutti i puttanieri che portiamo in Brasile, a Cuba ed in Thailandia... Basti dire che ultimamente abbiamo avuto alcuni casi di persone che sono state dichiarate inammissibili dal governo Brasiliano... Ancora non sono entrati e già fanno cazzate per farsi buttare fuori! Assurdo!
Meno male che ci sono le Lourdes, tante nonnine gentili, tante persone con problemi ma tutti sorridenti! Una signora mi diceva che lei va li da dieci anni, ma non riesce più a dire di no per via del clima che si instaura con tutti i pellegrini, crocerossine e barellieri! Devo dire che questo può essere considerato un piccolo miracolo, vedere queste persone con molti problemi con un sorriso sincero sul volto...
E poi da quando vado a Lourdes all'aeroporto c'è sempre il solito signore che dirige i volontari, ed in questo giro ho scoperto che lui fa il volontario li da ben cinquantanni! E' forte come un toro, lo vedi sollevare da solo molti pellegrini per metterli sulle sedie a rotelle, sempre sorridente, sempre scherzoso e sempre disponibile. Ci rallegra sempre con qualche frase gentile e con quelle poche parole di italiano che conosce.
Grazie di farmi piacere il mio lavoro!

giovedì 20 marzo 2008

Cambiare, perchè?

Ho deciso di cambiare compagnia aerea e di provare le selezioni in EasyJet, perché?
Beh, diciamo che sono da quattro anni e rotti nella stessa compagnia ed ancora non si parla di un contratto indeterminato, è da un anno che parlano di una cifra astronomica di contratti permanenti da fare ma non se ne sono visti poi molti, nonostante la legge finanziaria che obbliga a fare contratti indeterminati, ma purtroppo lavorando nel settore del turismo me lo prendo in quel posto, noi siamo lavoratori di serie B...
Ultimamente non sono soddisfatto di quello che faccio perché non mi vengono dati gli strumenti, ed è abbastanza umiliante prendere insulti per problemi non dipendenti da me, non dipendenti dalla mia bravura o dalle mie mancanze! Se non ci sono coperte io non le posso creare, se non ci sono cuffie non posso intrattenere io le persone per dodici ore. Ormai non sono più entusiasta di andare a lavorare, cavoli! Non l'avrei mai detto fino a due anni fa, eppure ora mi sento così, insofferente.
Spero di riuscire a cambiare compagnia e poter iniziare nuovamente questo lavoro con l'entusiasmo che avevo quattro anni fa'. A giorni dovrei ricevere la risposta sull'esito delle mie selezioni, spero sia veramente una Buona Pasqua per me!

venerdì 7 marzo 2008

Il costo delle carceri

Qui in Italia, e forse anche da altre parti, ma non lo so, il sistema carcerario è un grosso peso per l'economia, ma se si iniziasse a farlo rendere invece che farlo rimanere un peso?
Si prendono tutte queste persone e le si inizia a far produrre, e tutti gli introiti allo stato da reinvestire sul sistema stesso per migliorare la condizione dei condannati.
A parer mio se in carcere si dovesse lavorare per guadagnarsi la pagnotta non ci sarebbero tutti i disperati che ci sono ora che si fanno prendere con piccoli reati per sopperire al freddo ed avere tre pasti caldi al giorno. Probabilmente ci penserebbero due volte prima di andare a spaccarsi la schiena.
E poi dovremmo mettere a posto il sistema giudiziario, non è possibile che nessuno sconti la pena che viene data per sconti, riti abbreviati, buone condotte, indulti e chi più ne ha più ne metta! E' una vera presa in giro per le vittime! Così non si fa altro che incoraggiare la giustizia fai-da-te, ed incoraggiare nuove persone a diventare criminali!
Quanta gente viene dall'estero a commettere reati qui invece che al loro paese? E perché preferiscono il Bel Paese per i reati? Non sono così stupidi, sebbene qualcuno ce lo voglia far credere, sanno fare un semplice conto matematico: "Quanti anni mi farei nel mio paese per questo reato e quanti ne farei in Italia?". Sicuramente qui sa benissimo che anche a parità di pena alla fine quelli che sconta non sono tutti quelli!
Ma che ci possono fare le persone oneste? Subire subire subire? Prima o poi si rompono le palle ed allora saranno volatili per diabetici!

giovedì 6 marzo 2008

Persone forti

Ultimamente sto vedendo una persona davvero forte dentro, sebbene sia un'appartenente al sesso debole, sia più giovane di me e d'aspetto fragile posso dire che ha una forza dentro davvero invidiabile.
Non so come faccia a passare tutte le sventure che le stanno capitando in questo periodo, davvero non ho idea di quanta gente ce la farebbe a superare quello che sta vivendo questa persona di qui a parecchi mesi fa. Poi le disgrazie on giungono mai sole, ed infatti ne stanno davvero capitando tante ormai, ed a me spiace che io non possa fare più di tanto, mi sento quasi in colpa, ma con questo lavoro non sempre si può stare vicino a chi si vuole bene, ed a chi ha magari bisogno.
Mah, che vita strana, alle persone più buone ne succedono di tutti i colori, mentre alle carogne va tutto bene... Perché a persone che reputo davvero buone e meritevoli succedono disgrazie e momenti davvero difficili, mentre ai cosiddetti "stronzi" va tutto bene? Non dovrebbe essere il contrario? Ai meritevoli i colpi di fortuna, non il contrario...